Skip to content

E’ ora di carnevale!

L’etimologia della parola Carnevale è divenuta oggetto di numerose discussioni, esistono infatti  diverse ipotesi riguardanti l’origine del nome. Per alcuni il vocabolo deriva dall’espressione latina carrum novalis (carro navale), una specie di carro allegorico a forma di barca con cui gli antichi romani inauguravano le loro commemorazioni. Per altri il termine deriverebbe dall’espressione latina “carnem levare”, poi successivamente diventata “Carne, vale!”(Carne, addio!) con cui, nel Medioevo, si indicava la prescrizione ecclesiastica di astenersi dal mangiare carne a partire dal primo giorno di Quaresima, vale a dire dal giorno successivo alla fine del Carnevale, sino al “Giovedì Santo” prima della Pasqua. Il Carnevale infatti, nel calendario liturgico cattolico-romano, si colloca necessariamente tra l’Epifania (6 gennaio) e la Quaresima. La festa affonda però le radici molto più lontano nel tempo, al periodo greco-romano ed è strettamente legata alle cerimonie religiose pagane quando si faceva largo utilizzo di maschere allo scopo di scacciare gli spiriti maligni. La tradizione delle maschere è addirittura antecedente, erano infatti in uso fin dal paleolitico. Con l’avvento del Cristianesimo questi festeggiamenti persero il carattere “magico” per mantenere solo la forma di divertimento popolare. Il carnevale rappresenta senza dubbio uno dei momenti di maggior divertimento dell’anno, sia nella versione Romana sia in quella Ambrosiana.

Nel mendrisiotto uno dei carnevali più popolari è sicuramente il Nebiopoli di Chiasso. Quest’anno l’appuntamento è dal 24 al 28 gennaio, con allegria e divertimento assicurato.

Condividi!

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on LinkedIn
Share on Pinterest